Caldaie > Pellet, Tipo di Caldaia > Caldaia a Pellet

Caldaie a Pellet


Cosa sono

Caldaie a PelletLe caldaie a pellet rappresentano una soluzione alternativa ed innovativa per il riscaldamento di un ambiente domestico, civile o industriale.

È bene sapere che con il termine caldaia a pellet non si fa riferimento a una stufa a pellet, progettata per riscaldare in base alla propria potenza una stanza di cubatura piccola, media o grande, ma al cuore di un vero e proprio impianto di riscaldamento alimentato da combustibile naturale proveniente dagli scarti della lavorazione del legno: il pellet.

Commercialmente esistono diverse tipologie di caldaie a pellet, di vario prezzo, di potenza piccola o grande a seconda dell’area da riscaldare e comunque rispetto ad altri tipi di caldaie hanno dimensione ed ingombri più elevati perché devono avere un contenitore per il caricamento automatico del pellet che di solito è più ingombrante della caldaia vera e propria e che può essere ingoblato nel blocco caldaia compatta o esterno.


Potenze per utenze residenziali

  • Piccola da 15-20 KW
  • Media da 25 a 30 Kw
  • Elevata ≥ 35 KW e max 50 KW

Potenze per uso non residenziale > 50 KW

In elenco le caratteristiche che devono possedere le caldaie a pellet delle migliori ditte in commercio:

  • efficienza elevata con rendimento > 90% che garantisce un basso consumo di combustibile pellet
  • funzionamento automatico sia per il caricamento pellet, sia per il bruciatore e per la raccolta della cenere
  • presenza di scambiatori di calore per migliorare lo scambio termico
  • robustezza del corpo caldaia, compattezza delle dimensioni, elevati standard di sicurezza ed affidabilità di funzionamento.

Un esempio di caldaie a 4 stelle, che garantiscono quindi la massima efficienza energetica, sono le caldaie a condensazione e le caldaie a premiscelazione.

Come funzionano

Con il termine caldaia si intende l’apparecchiatura che realizza il passaggio di calore verso un fluido (acqua) senza che avvenga la sua ebollizione, con la funzione di distribuirlo ad un ambiente.

L’alta qualità della combustione del pellet è garantita da un microprocessore elettronico che regola e ottimizza l’ingresso del pellet ( combustibile) e la quantità di aria comburente.

La potenza erogata dalla caldaia viene inoltre in quasi tutti i tipi di caldaie, modulata in automatico, a seconda della richiesta di calore. La capacità di modulare la potenza evita continue accensioni e spegnimenti della caldaia, mantenendo rendimenti molto alti.

Una caldaia a pellet a funzionamento inverno/estate ha sempre bisogno di una canna fumaria e nei modelli compatti presenta una tipica forma a parallelepipedo con contenitore del pellet (o anche cippato) sopra e bruciatore o porta focolare sotto, più altre componenti che possono variare da modello a modello. Sotto si riportano, a titolo esemplificativo, le immagini con le parti di una caldaia compatta a pellet:

  • Porta pellet
  • Porta focolare o bruciatore
  • Porta raccoglitore cenere
  • Leva turbolatori e pulitura scambiatore
  • Pannello comandi
  • Ripristino termostato sicurezza acqua
  • Mandata impianto
  • Carico caldaia
  • Ventilatore fumi
  • Scatola elettrica
  • Ritorno impianto
  • Motoriduttore carico pellet
  • Plenum presa d’aria all’interno del quale è posta la resistenza d’accensione

Per le caldaie a pellet di potenza elevata il contenitore per caricare il pellet è in genere un serbatoio esterno alla caldaia che può essere installata in un locale apposito “centrale termica” esterno agli ambienti da riscaldare (vedasi figura sotto).

Caldaia Pellet e Vano per Pellet


L’acciaio è il materiale con cui generalmente sono costruite le caldaie a pellet perché resistente alle alte temperature. Le caldaie per uso civile sono nella maggior parte dei casi costruite a tubi di fumo, cosi dette proprio perché i fumi caldi risultanti dalla combustione del pellet vengono incanalati in un fascio di tubi immersi in acqua, che viene quindi scaldata per convezione.

Il blocco della caldaia detto focolare o bruciatore, è alimentato dal basso, in modo da permettere al combustibile di avanzare con regolarità, la manutenzione deve essere effettuata ad intervalli di tempo che sono sempre indicati nelle istruzioni d’uso del modello, così come vengono anche indicati i tipi di pellet derivante da materiali diversi che si possono utilizzare.

L’elettronica di controllo a microprocessore è presente in tutte le caldaie a pellet per regolarne sia il funzionamento modulato automatico sia per garantirne un utilizzo in sicurezza, segnalando sul pannello di controllo eventuali anomalie o blocco.

In caso di black out o di breve un’interruzione alla rete elettrica, quando si effettua la prima accensione a freddo o a seguito di una interruzione manuale dell’operatività della caldaia a pellet, si avrà il riavvio automatico della caldaia stessa grazie ai suoi sistemi di controllo elettronico. La presenza di un termostato posizionato in remoto permette di controllare la modulazione della combustione del pellet che si incendia automaticamente creando una brace che lo mantiene continuamente attivo. Questo processo abbrevia tempo di riaccensione del combustibile garantendo un rapido avvio delle funzioni e quindi del riscaldamento immediato.

Per quanto riguarda le ceneri prodotte dalla combustione del pellet chi adotta un impianto con caldaia a pellet dovrà, anche per sicurezza, effettuare la regolare pulizia e lo smaltimento delle ceneri che vengono raccolte in un cassonetto apposito che va svuotato.

Vantaggi delle caldaie a pellet

Tutti i vantaggi del combustibile naturale pellet si ritrovano anche per le caldaie a pellet e in particolare:

  • Alto rendimento, i riscaldamenti a pellet hanno rendimenti superiori al 90%, migliori rispetto agli altri tipi
  • Alto poter calorico, naturale e in grado di fornire un elevato potere calorifico
  • Economicità
  • Completa automazione
  • Installare una caldaia a pellets non necessita di fare cambiamenti all’impianto di riscaldamento già in uso
  • Semplicità di utilizzo